3.6.2022, 8:45

ŠKODA AUTO assicura la produzione di cablaggi

  • La produzione di cablaggi a Mladá Boleslav è iniziata in stretta collaborazione con i fornitori
  • Le misure adottate consentono il raddoppio della capacità produttiva e una risposta più flessibile in caso di possibili ulteriori problemi di fornitura
  • Le aziende garantiscono capacità di produzione aggiuntive in Marocco e in Romania

 

Mladá Boleslav / Cham, 3 giugno 2022 – In stretta collaborazione con i fornitori interessati, ŠKODA AUTO ha trasferito parte della produzione di cavi dall'Ucraina alla Repubblica Ceca. La casa automobilistica si è inoltre assicurata ulteriori capacità di produzione in Marocco e in altri paesi. L'obiettivo delle misure adottate è quello di proteggersi ancora meglio in futuro da eventuali difficoltà di approvvigionamento e interruzioni della catena di fornitura. Le misure adottate consentono, se necessario, il raddoppio del precedente volume di produzione.

Karsten Schnake, responsabile acquisti presso ŠKODA AUTO, sottolinea: «Nelle ultime settimane presso ŠKODA AUTO abbiamo lavorato intensamente insieme ai nostri partner per ridurre al minimo gli effetti della guerra in Ucraina sull'approvvigionamento di cavi. Grazie al grande impegno dimostrato, in poco tempo è stato possibile riprendere la produzione in Ucraina e ampliarne notevolmente la capacità. Per questo ringrazio l'intero team e tutti i fornitori coinvolti. Allo stesso tempo, voglio assicurare i nostri partner ucraini che siamo e restiamo fedeli a loro. Si sono meritati il nostro massimo rispetto per essere riusciti ad assicurarci la fornitura nelle circostanze attuali.»

A causa di problemi nelle consegne di cablaggi dovuti alla guerra, dal 3 marzo per otto settimane ŠKODA AUTO ha dovuto sospendere la produzione dell'ENYAQ iV a funzionamento tramite batteria elettrica. Per riavviare la produzione il più rapidamente possibile, la casa automobilistica, insieme ai suoi fornitori, aveva fin da subito preso in considerazione l'opzione di duplicare la produzione di cablaggi in altri stabilimenti in Europa e nel Nord Africa.

In questo modo, ŠKODA AUTO e PEKM sono riusciti a trasferire una parte della produzione di cavi dall'Ucraina a Mladá Boleslav nel giro di cinque settimane dall'inizio della guerra. PEKM ha costruito i necessari dispositivi di produzione nei padiglioni di montaggio prodotti da ŠKODA AUTO e già all'inizio di aprile la produzione è stata gradualmente incrementata. Negli impianti di produzione lavorano anche 35 donne dello stabilimento ucraino di Lemberg, che stanno già formando nuove collaboratrici. Presso la sede centrale di ŠKODA AUTO vengono attualmente prodotti cavi per la ŠKODA FABIA Combi, mentre nelle prossime settimane inizierà anche la produzione di cablaggi per le serie di modelli OCTAVIA, KODIAQ, KAROQ e SUPERB.

Per affrontare al meglio eventuali ulteriori problemi nelle consegne, ŠKODA AUTO si è assicurata capacità produttive aggiuntive presso lo stabilimento marocchino di Kenitra vicino a Rabat da parte dell'azienda Kromberg & Schubert. Inoltre, Kromberg & Schubert è riuscita in parte ad aumentare la quantità di cablaggi prodotti presso lo stabilimento ucraino di Schytomyr.

Grazie alla produzione in entrambe le sedi – Schytomyr in Ucraina e Kenitra in Marocco – in futuro sarà possibile soddisfare il fabbisogno di cablaggi per la produzione dell'ENYAQ iV.

ŠKODA AUTO prevede inoltre di duplicare anche la produzione di cablaggi ad alta tensione necessari, tra le altre cose, alla ricarica dei veicoli elettrici. La produzione avverrà in Romania a partire dalla fine di giugno. A partire da settembre, dopo la votazione all'interno del gruppo Volkswagen, anche la produzione dello stabilimento ucraino di Chmelnyzyj verrà duplicata: a quel punto a Tangeri, in Marocco, verranno prodotti cablaggi anche per i modelli OCTAVIA e SUPERB.

Share this: